Storia

Villa Parens - Attraverso il Tempo
Storia Villa Parens

Farra è un centro rigoglioso per i numerosi vigneti che ricoprono il suo vasto territorio. Le vecchie caratteristiche di paesaggio agricolo si sono mantenute nella struttura urbana della località, che comprende numerosi borghi. La Villa viene costruita nel 1860, con giardino interno e dall’ingresso tondeggiante spagnolesco, dai proprietari del mulino in località Borgo Molino sulla strada che da Gorizia porta a Gradisca d’Isonzo. Dopo la parentesi napoleonica, il paese tornò sotto il dominio austriaco e venne annesso però all'Italia solo al termine della Prima guerra mondiale. Risulta che durante la Seconda guerra, la Villa, sia stata quartier generale tedesco durante lo stazionamento in zona. Viene poi requisita, durante il periodo della Linea Morgan (giugno 45’ / settembre 47) dall’esercito Britannico come residenza personale del comandante (e della sua famiglia) del 59° Reggimento di Fanteria Britannica “London “che era acquartierato in Gradisca e dintorni. Infatti da Farra d’Isonzo a Trieste, la zona di occupazione Alleata era affidata agli Inglesi del 13° Corpo. Passa poi al Comando Americano che la utilizza sino al ritiro delle truppe.

Il nonno materno, Ivan Petric, originario possidente di Ljubljana, la acquista nel 1944, come sede per il controllo e la gestione dell’azienda che si sviluppava, prima di essere espropriata, sui terreni dove è poi sorta Nova Gorica, e ne entra in possesso verso la fine degli anni ’40. Nel 1984 inizia la ristrutturazione delle cantine e con papà Vittorio Pujatti nasce il marchio “Puiatti”. Nel 2014 alla fine di un ammodernamento strutturale e tecnologico Elisabetta e Giovanni danno vita a “Villa Parens”. 

Non vi è futuro senza passato