Poesia

Villa Parens - Charles Pierre Baudelaire (1821-1867)
Charles Pierre Baudelaire

Simbolo del ribelle in stile bohemien, viene ancor oggi considerato non solo come uno dei precursori della letteratura poetica e di quella filosofia nei confronti della società e dell'arte, dell'essenza dei rapporti tra esseri umani, dell'emotività, dell'amore e della vita che lui stesso aveva definito come modernismo.

Les Fleurs du Mal: il titolo di quest'opera riassume a pieno l'idea di bellezza propria del poeta francese. Il male, come il bene, ha i suoi fiori, le sue bellezze. Il male risulta però più attraente e più accattivante.

 

UBRIACATEVI

“Bisogna sempre essere ubriachi. Tutto qui: è l’unico problema.

Per non sentire l’orribile fardello del Tempo

che vi spezza la schiena e vi piega a terra,

dovete ubriacarvi senza tregua.

Ma di che cosa? Di vino, di poesia o di virtù: come vi pare. Ma ubriacatevi.

E se talvolta, sui gradini di un palazzo, sull’erba verde di un fosso,

nella tetra solitudine della vostra stanza,

vi risvegliate perché l’ebbrezza è diminuita o scomparsa ,

chiedete al vento, alle stelle, gli uccelli, l’orologio,

a tutto ciò che fugge, a tutto ciò che geme, a tutto ciò che scorre,

a tutto ciò che canta, a tutto ciò che parla, chiedete che ora è:

e il vento, le onde, le stelle, gli uccelli, l’orologio, vi risponderanno:

È ora di ubriacarsi!

Per non essere schiavi martirizzati dal Tempo, ubriacatevi, ubriacatevi sempre!

Di vino, di poesia o di virtù, come vi pare.”

Charles Baudelaire

tratto da “Lo Spleen di Parigi”, poemetto in prosa XXXIII